Anello del Rio Serai da Borgo Povici

Anello del Rio Serai da Borgo Povici

La montagna ci offre la cornice … tocca a noi inventare la storia che va con essa!
(Nicolas Helmbacher)

Partenza: Frazione Borgo Povici – Val Resia (UD)

Difficoltà: EE

Dislivello: 300 m.

Lunghezza: 4 km circa

Tempo di percorrenza: 2,30 circa

Cartografia: Tabacco 1:25000 n.27 “Canin – Val Resia – Parco Naturale Prealpi Giulie”

Sentieri CAI :  743 – 743b

Arrivo in tarda mattinata a Borgo Povici di Sotto (Resiutta) e, lasciata l’auto in prossimità del ponte, imbocco il sentiero 743 che attraversa la passerella sul rio Serai. 

Il sentiero sale a comodi tornanti dentro un bosco composto da pini neri, carpini neri, ornelli, ellabori neri, erba trinità ed un infinità di ciclamini profumatissimi.

Dopo circa 45 minuti raggiungo le case di borgo Cros e subito dopo una piccola cappelletta, dove quasi subito trovo il bivio trovo il segnavia 743b.

Dopo l’ultima casa del borgo, a sinistra in mezzo al bosco, inizia una ripida discesa con fondo roccioso e a tratti detritico che porta verso la valle del Serai.

20140817_130350

Attraversato il rio Serai prendo il sentiero a destra proseguendo in salita superando un altro tratto roccioso e detritico che mi porta al rio Resartico a monte di Povici di Sopra (dopo aver superato la cresta che funge da spartiacque tra i rii Serai e Researtico).

Il percorso si sviluppa attraverso un bosco composto da faggi e scende fino al greto del torrente che mi permette di ammirare la forra ricca d’acqua obbligandomi ad un freschissimo “pediluvio” e a trovare il guado migliore per attraversarlo (vista l’assenza di ponticelli).

20140817_121048

Oltrepassato il rio in pochi passi si esce su strada sterrata che raggiunge Povici di Sopra  e quindi verso il parcheggio.

20160320_125459

Considerazioni personali:

nonostante questo percorso non presenta grandi difficoltà e con un dislivello in salita praticamente nullo, è indicato ad escursionisti esperti in quanto si svolge in terreno detritico e franoso e con qualche camminamento in cresta non proprio “agevole” (in qualche punto si può trovare una fune metallica come aiuto per risalire).

Consigliato comunque a tutti per gli scenari selvaggi, le zone naturalistiche e per i panorami vari..bosco/borgo antico, ghiaione, roccia, greto del fiume.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici − 3 =

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.